Equilibrio Elastico

La materia e lo spirito: l'una è inerte se priva dello spirito, l'altro solo fuggevole soffio se non attraversa la materia.
La scelta giusta? Vivere dell'una e dell'altro creando un equilibrio elastico: tendi la prima, riduci il secondo o viceversa.
Consapevolezza e ricerca della conoscenza fanno dell'essere umano un calcolo combinatorio a più cifre, il risultato di coincidenze biochimiche e geniche innumerevoli e quindi, diverso e unico nello stesso tempo, un amalgama continuo e sempre nuovo di spirito e materia.
Ma la scarsa adattabilità, a volte, fa dell'uomo un essere che sceglie o l'una o l'altro rinunciando così alla pienezza dell’unica vita che gli viene concessa!!!
Ziganoi 2011

 
TITOLO DELLA MOSTRA: EQUILIBRIO ELASTICO
A CURA di: Francesca Spataro
DOVE: Museo Civico - Chiesa Maria SS. Della Misericordia - Termini Imerese
VERNISSAGE: Giovedì 30 Giugno ore 19.30
PRERIODO: 30 Giugno  -  15 Luglio
ORARI: dal Martedì al Sabato h 10.00-13.00   15.00-20.00
INGRESSO: Libero

Il Museo Civico B. Romano di Termini Imerese presenta l’evento EQUILIBRIO ELASTICO di ZIGANOI. L’allestimento, promosso dall’Associazione Amici della Terra  con il patrocinio dell’Assessorato Regionale del Turismo, è una mise-en-scène  all’interno della Chiesa Maria SS. della Misericordia (XV sec.),  che mette in relazione la vetustà degli affreschi dedicati alla vita di Gesù e l’action painting di Ziganoi. Le tele prendono posto nelle nicchie dove un tempo erano allocati gli affreschi, oggi in restauro, non come accessorio decorativo, ma come modulo narrativo che raggiunge e diventa elemento essenziale per la trasmissione del messaggio: materia e spirito in equilibrio elastico.
L’itinerario della mostra prosegue attraverso una piccola porta di accesso alla pinacoteca dove le opere di Ziganoi si accostano, a quelle di artisti siciliani del XVI e XVII sec. e ad altre importanti opere come “l’Annunciazione” fiamminga o il trittico bizantino dell’Odigitria. Una impertinenza voluta come mezzo d’elezione attraverso il quale veicolare e stimolare la percezione visiva e la comunicazione iconica, al fine di provocare rapide emotività, di facile decodificabilità e di perdurante memoria.
I soggetti di Ziganoi (Via Crucis, Madre Teresa di Calcutta, Proibito) si integrano in perfetta sintonia con gli stucchi, illuminati dalla luce naturale dove la tonalità dominante, il bianco, si mescola con i contorni esterni delle opere per lasciar emergere, nella parte centrale, il colore, a volte forte a volte appena accennato.